0
0
0
s2sdefault

FIOM copiaRiteniamo assolutamente inaccettabile che lavoratori con meno tutele debbano subire pressioni e ricatti indebiti.

Quanto sta succedendo alla PR Industrial, il cui titolare riveste anche un ruolo importante nella Confindustria Toscana sud, mette in evidenza un'idea autoritaria di fare impresa, grave e preoccupante, che lede alla radice la dignità dei lavoratori, in questo caso lavoratori con contratto di somministrazione a cui è stato proposto, in cambio dell'assunzione, di rinunciare ai premi aziendali riconosciuti a tutti gli altri lavoratori dipendenti.

Il tentativo di dividere i lavoratori però non è riuscito.

L'assemblea dei lavoratori e la RSU hanno proclamato subito iniziative e scioperi di protesta contro questa presa di posizione aziendale, ma a quanto pare l'azienda non sente ragioni ed andrà avanti anche da sola dopo il giusto no del sindacato, proponendo ad ogni lavoratore di firmare un accordo singolare presso la Direzione Provinciale del Lavoro dove ognuno si impegna a rinunciare ai premi aziendali in cambio dell'assunzione. Sarebbe buona cosa che anche la stessa DPL riflettesse rispetto a quanto questo imprenditore si appresta a portare avanti: Siamo al rovesciamento dello stato di diritto!

Sapevamo che in questa impresa vi erano sempre state buone relazioni sindacali, ma a quanto pare vi è l'idea di andare verso “nuove relazioni”, più dirette, dove ogni lavoratore sia sempre più solo in una lotta impari di fronte ad un'impresa che si sta indirizzando verso la disuguaglianza con l'intento di dividere i lavoratori.

Come Fiom Toscana daremo tutto il nostro sostegno a questa vertenza, affinché nessuno sia lasciato da solo a subire questo tipo di situazioni e per contribuire a mantenere intatti quei valori essenziali di giustizia sociale, solidarietà e diritto che il mondo del lavoro porta con sé e che hanno sempre contribuito anche a far funzionare al meglio le stesse imprese.

Massimo Braccini, segretario generale Fiom Toscana

Firenze, 15.06.2016

Vai all'inizio della pagina