0
0
0
s2sdefault

FIOM CGILSi è svolto il 7 marzo 2017, in Assolombarda a Milano, l'incontro programmato in sede tecnica per il rinnovo del CCNL per gli addetti del settore Orafo Argentiero - scaduto il 31/10/2013 a cui sono seguiti due accordi ponte: il 25/7/2013 sottoscritto da Fim e Uilm e il 15/12/2014 sottoscritto da Fim Fiom e Uilm con la definizione della copertura economica attraverso una "una tantum" fino al 31/12/2014.

L'incontro del 7 marzo ha consentito alla delegazione sindacale e a quella delle imprese di trovare soluzioni condivise sui temi relativi al Sistema di relazioni sindacali - informazione e consultazione dei lavoratori nelle imprese di dimensione comunitaria e Pari opportunità - Telelavoro, Contratto di lavoro a Tempo parziale.

Su altri temi, per i quali nei precedenti incontri la delegazione delle imprese aveva proposto modifiche non condivise da Fim Fiom e Uilm - modifiche peggiorative relative alla disciplina del rapporto di lavoro - si è condiviso con Federorafi la conferma della attuale normativa contrattuale.

Sono state riproposte invece dalle imprese le richieste relative alla riduzione dei Par e al lavoro straordinario riconosciuto solo dopo le 40 settimanali; queste richieste sono state ancora una volta respinte da Fim Fiom e Uilm.

Non ci sono inoltre ad oggi risposte sui temi centrali di questo rinnovo contrattuale; Federorafi infatti, nonostante la delegazione sindacale abbia sollecitato soluzioni in linea con quanto raggiunto nel settore metalmeccanico per altri contratti, non ha ancora manifestato alcuna disponibilità.

In particolare non si sono ad oggi manifestate disponibilità delle imprese su un incremento dei minimi fermi a ottobre del 2013, su importi da destinare al welfare per tutti i lavoratori, sulla assistenza sanitaria integrativa a totale carico delle imprese per tutti i lavoratori e per i loro familiari, su un incremento della quota di Previdenza complementare a carico delle imprese, sulla contrattazione degli orari e un utilizzo frazionato dei congedi parentali, sul diritto alla formazione, su una riforma dell'inquadramento professionale, sulle nostre richieste relative al tema della Salute e Sicurezza.

Fim Fiom e Uilm hanno ribadito che il CCNL degli Orafi e argentieri deve trovare risposte positive per le lavoratrici e i lavoratori così come, dopo una lunga trattativa, è stato possibile con il contratto di Federmeccanica e con il contratto delle Cooperative.

Il prossimo incontro, sempre in sede tecnica, è stato fissato il prossimo 22 marzo e successivamente un ulteriore incontro è fissato il 12 aprile 2017.

Fiom nazionale  

Roma, 10 marzo 2017

Vai all'inizio della pagina